HOME > GRUPPO DI LAVORO > CALENDARIO RIUNIONI >
VERBALE COMITATO DIRETTIVO 31 maggio 2004

Luogo:
Centro Ambiente

Ordine del giorno:
1. approvazione del verbale della riunione precedente;
2. stato di avanzamento;
3. impostazione attività fino a settembre 2004;
4. varie ed eventuali.

Esiti della riunione:

1. Il verbale della riunione del 19/01/04 viene approvato all’unanimità.

2. Cappiello, Cerioli e Cellina illustrano lo stato di avanzamento delle attività relative a:

3. Cappiello espone il calendario previsto per le prossime attività:

Ricci, avendo analizzato la tabella riassuntiva delle proposte d’azione, nota che, nonostante i problemi incontrati, il processo di partecipazione risulta interessante, ed elementi di specificità e concretezza sono già emersi. Il lavoro con gli esperti di settore potrà apportare ulteriori elementi di fattibilità al quadro di azioni, e potrà anche essere utile per affrontare la fase problematica di costruzione delle strategie alternative; è necessario capire con quali criteri combinare gli elementi individuati a formare delle vere e proprie strategie.
Laniado accenna al percorso per la generazione delle alternative a partire dalle azioni emerse dagli incontri di partecipazione; l’idea è di studiare le azioni proposte, individuarne gli effetti, e quindi declinare, per ogni combinazione ragionevole di azioni, gli obiettivi generali in obiettivi specifici.
Le alternative dovrebbero comprendere: strategie in atto e strategie dichiarate; alternative che rispecchiano il trend attuale; alternative in cui ogni comune sviluppa una propria strategia, senza coordinarsi con gli altri comuni; alternative intergrate in cui si riconosce, ad esempio, che Sirmione è giunta al limite della propria capacità, e può essere interessante coordinare l’offerta turistica con gli altri comuni, in modo da distribuire meglio i flussi turistici. Per caratterizzare le strategie sarà necessario considerare la presenza o meno di azioni significative come per esempio l’istituzione del Parco delle Colline Moreniche.
Tomaselli suggerisce che spunti in questo senso emergeranno dal confronto con i sindaci e raccomanda di organizzare dei Consigli Comunali e/o un’assemblea pubblica anche per presentare lo stato di avanzamento del progetto alle nuove amministrazioni quando si saranno insediate.