schema generale\azioni e alternative\alternative - caratteristiche comuni

Indice

1. Quai caratteristiche hanno in comune le alternative?

2. Come posso confrontare le alternative? Quali caratteristiche hanno le tipologie di azione nelle diverse alternative?

Caratteristiche comuni alle alternative

Le caratteristiche delle alternative di piano sono state definite considerando come anno di riferimento, in cui il sistema di gestione della mobilità sarà a regime, il 2010. In tutte le alternative di piano si ipotizza l'arrivo dello stesso numero di turisti, indipendentemente dal metodo di gestione dei flussi utilizzato; varia invece la ripartizione modale dei turisti, cioè il mezzo di trasporto con cui questi scelgono di muoversi all'interno del comune per raggiungere il centro storico.

Le alternative di piano sono state definite per risolvere le criticità che emergono nella stagione di elevata affluenza turistica, tenendo in considerazione le esigenze del periodo di bassa stagione, quando i flussi sono molto meno consistenti. Per questo motivo si è pensato a delle alternative "flessibili" in cui non si propone di realizzare tanti posti auto quanti sarebbero necessari nei giorni di picco, ma di dimensionare il sistema sui giorni di intenso afflusso e prevedere dei "polmoni" a prato da utilizzare come parcheggi nei giorni di picco.

Le condizioni di riferimento si distinguono in base al livello di afflusso turistico che è stato caratterizzato nelle seguenti tre tipologie:

- picco: giorni di Pasqua, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e gli eventuali “ponti” ad essi correlati, la settimana di ferragosto, alcune domeniche da marzo a ottobre (circa il 30%) e alcuni sabati da maggio a settembre (circa il 20%) per un totale di 20-25 giorni all’anno
- intenso: le restanti domeniche da marzo a ottobre e sabati da maggio a settembre, tutti i mesi di luglio e agosto per un totale di 85-90 giorni all’anno
- basso: i giorni rimanenti per un totale di 240-250 giorni all’anno (restanti infrasettimanali e sabati da marzo a ottobre e tutti i giorni da novembre a febbraio)

Definiamo “stagione di elevata affluenza turistica” l’insieme dei giorni in cui il livello di afflusso è di picco o intenso, “stagione di scarsa affluenza turistica” la restante parte dell’anno.

Tabella 1: ripartizione dei giorni di picco (P), intenso (I) e basso (B) livello di afflusso turisticoù

mese Domenica /festivi sabato infrasettimanale
gennaio
B
B
B
febbraio
B
B
B
marzo
30% P-70% I
B
B
aprile
30% P-70% I
B
B
maggio
30% P-70% I
20% P-80% I
B
giugno
30% P-70% I
20% P-80% I
B
luglio
I
I
I
agosto
I
I
I
settembre
30% P-70% I
20% P-80% I
B
ottobre
30% P-70% I
B
B
novembre
B
B
B
dicembre
B
B
B

Dato il numero ridotto di giorni di picco nell’arco dell’anno, circa 20, si è pensato a delle alternative "flessibili" in cui non si propone di realizzare tanti posti auto quanti sarebbero necessari nei giorni di picco, ma di dimensionare il sistema sui giorni di intenso afflusso turistico e prevedere dei "polmoni" , parcheggi temporanei a prato, da utilizzare nei giorni di picco.

In tutte le alternative di piano i pullman non subiscono mai limitazioni di accesso ulteriori rispetto alle attuali, poichè solitamente trasportano un numero elevato di turisti per i quali sarebbe inefficiente l'organizzazione di un sistema di trasporti alternativo. Inoltre i possessori di seconda casa sono assimilati ai residenti nelle politiche di regolamentazione degli accessi, mentre ai lavoratori si intende interdetto l'accesso al centro storico in tutte le alternative, similmente a quanto già oggi avviene.

Suggerimenti per la realizzazione di nuovi parcheggi
Al fine di limitare il rischio di congestione nelle vie adiacenti ai nuovi parcheggi, la gestione degli ingressi e delle uscite deve essere efficiente, ad esempio:
- in ingresso la sbarra resta alzata finché ci sono posti auto disponibili: una fotocellula posta all’ingresso rileva il numero di auto entranti che sottratto a quello delle auto uscenti, registrate al momento del pagamento della sosta, fornisce il numero di auto presenti nel parcheggio;
- il turista deve prelevare il ticket al momento dell’uscita dal parcheggio presso la biglietteria posizionata in prossimità dell’uscita pedonale;
- la sbarra in uscita viene azionata dall’inserimento del ticket consegnato successivamente al pagamento.

Tariffe integrate
Presso le biglietterie si potrebbero acquistare, oltre che ai biglietti per i bus, i motoscafi e la bicicletta separatamente, dei pacchetti con combinazioni di mezzi diversi a prezzi agevolati. Ad esempio si potrebbe creare una combinazione bus + motoscafo a 2.50€ per un adulto invece di 3.50€ o anche integrare attrazioni turistiche (bus + ingresso alla Villa Romana a 4.00€ per un adulto invece di 5.00€). Queste convenzioni hanno diversi effetti positivi:
- miglioramento dell’accessibilità al Centro Storico in quanto diminuiscono il prezzo medio della permanenza a Sirmione dei turisti;
- miglioramento dell’immagine poiché sono scelte di marketing volte a semplificare i pagamenti del turista e allo stesso tempo coinvolgerlo in attività che magari non avrebbe svolto;
- gestione del conflitto che potrebbe scaturire dalla localizzazione del parcheggio (ad esempio le combinazioni che includono un viaggio in motoscafo possono compensare i motoscafisti dell’utenza mancata per la localizzazione del parcheggio in area artigianale)

Sistema di tariffazione per i residenti, i lavoratori e i clienti degli alberghi
Il sistema di tariffazione per i residenti di Sirmione e i lavoratori del Centro Storico resta invariato rispetto la situazione attuale: sosta gratuita mostrando sul parabrezza il pass opportuno oppure inserendo la tessera magnetica nel lettore del parcheggio in piazzale Montebaldo.

La sosta per i clienti degli alberghi del Centro Storico e della penisola nei parcheggi a loro predisposti è “gratuita”, nel senso che viene internalizzata nel costo del soggiorno da parte dell’albergatore.

Sistema di fornitura merci
Il sistema di fornitura merci: le consegne all’interno del Centro Storico possono essere effettuate esclusivamente con mezzi elettrici. I fornitori devono rispettare i seguenti orari, sia per la penisola che per il Centro Storico: nella stagione di elevata affluenza turistica prima delle 9:00 e dopo le 20:00, nella stagione di scarsa affluenza turistica seguono gli attuali orari di accesso.